3 vantaggi dell'utilizzo di contenuti generati dagli utenti nel marketing per il settore istruzione

“Gli studi sulla gestione e l’organizzazione ti prepareranno a guidare, sviluppare e organizzare il business e il personale in modo operativo e strategico. Gli studi si concentrano sui problemi affrontati dalle organizzazioni e sulla loro leadership e su come risolvere tali sfide in organizzazioni di dimensioni variabili, fase di sviluppo e settore. In genere, i laureati sono impiegati come specialisti delle risorse umane, analisti, manager operativi, consulenti o imprenditori.”

Ti sembra interesante?

Questo è l’estratto di una pagina di marketing di business school a cui ho fatto domanda e sono sicuro che ti è già capitato di leggere testi simili e altre noiose descrizioni quando ti sei rivolto ad una scuola o hai fatto ricerche per conto di altre persone.

Ma cosa rende il marketing del settore istruzione spesso noioso e quali sono le sfide chiave?

Una delle sfide chiave della strategia del marketing per il settore istruzione è che lo stesso contenuto è rivolto a diversi segmenti di pubblico, tutti con aspettative ed esigenze molto diverse tra loto. Le istituzioni e le aziende che si occupano di insegnamento sono, nella maggior parte dei casi, finanziate dal governo e richiedono una documentazione di alto livello sulle materie e gli obiettivi dei programmi di studio. D'altra parte, le organizzazioni educative competono sul talento per i corsi e si uniscono a gruppi di ricerca e la pagina di marketing dovrebbe elencare gli argomenti chiave che verranno studiati nel corso degli anni e i temi di ricerca futuri. In ultimo, il team marketing deve rivolgersi ad un pubblico prevalentemente giovane e ai genitori per riuscire ad attirare potenziali studenti, per questo la pagina dedicata al marketing deve concentrarsi sul dare una panoramica della vita degli studenti, sulle competenze chiave acquisite durante gli studi e sui benefici concreti di una laurea in una specifica materia. Lo stesso contenuto offerto a diversi target group porta ad una campagna di marketing mediocre e a scarsi risultati.

In secondo luogo, le aspettative rispetto a quelle che vengono considerate delle buone iniziative di marketing si stanno alzando sempre di più. La generazione Z, composta da adolescenti nati nel 1995 e negli anni successivi, attribuisce valore all'autenticità e gli studenti sono naturalmente scettici nei confronti della pubblicità. I ragazzi sono attivi sui canali social e sulle piattaforme di messaggistica e si aspettano che i brand e che le aziende siano disponibili anche lì. Gli appartenenti alla generazione Z vogliono essere co-creatori invece di consumatori passivi.


La terza sfida, nonché quella più difficile, è il cambiamento delle aspettative su come sviluppare nuove competenze e su ciò che gli studenti si aspettano che le istituzioni educative forniscano. La generazione Z è molto più imprenditoriale e si preoccupa meno dei titoli di studio - se i ragazzi riescono ad acquisire competenze attraverso percorsi non tradizionali, ne approfittano. Secondo James Casap, Education Evangelist di Google, la generazione Z si aspetta che le scuole li aiutino a sviluppare abilità per risolvere problemi specifici invece di rispondere alle domande su cosa vogliono fare da grandi.
 

In che modo i contenuti generati dagli utentu possono aiutare università e scuole superiori a coinvolgere studenti, personale e altre parti interessate?

Il passaparola e le raccomandazioni provenienti dai nostri conoscenti sono indubbiamente il marketing più efficace e il marketing per il settore istruzione non fa eccezione. Considerando che non più di cinque anni fa i potenziali studenti avrebbero partecipato agli Open Day organizzati dalle scuole per ascoltare le esperienze e il feedback di altri studenti, oggi i ragazzi cercano informazioni autentiche tramite YouTube, Facebook, Snapchat e molti altri canali social: l'informazione viene consegnata non filtrata e in tempo reale.

Questo significa che le organizzazioni educative non sono più in grado di controllare completamente i messaggi di marketing perché il marketing viene co-creato con il pubblico ed è in continua evoluzione. Tuttavia, costruire relazioni con il pubblico e coinvolgere le persone nella creazione di contenuti aiuterà a regolare il i flussi dei contenuti prodotti sui canali social.

Stai già coinvolgendo studenti e altre stakeholders nella creazione di contenuti?

Per ispirarti abbiamo elencato i tre principali vantaggi dell'utilizzo di contenuti generati dagli utenti nel marketing per il settore istruzione:

• Creare social proof per attirare possibili nuovi studenti
• Migliorare la portata dei contenuti e l'egagement nei social media
• Instaurare una relazione con studenti attuali, genitori, personale e altre parti interessate
 

Creare social proof per attirare possibili nuovi studenti

Contenuti autentici e ispirazionali attirano potenziali studenti - esempi di corsi reali mostrano i problemi che gli studenti affrontano durante il percorso di studi e in che modo la scuola li prepara per le carriere future.

#WeCreate di University for the Creative Arts è un eccellente esempio di campagna marketing per il settore istruzione. Il sito presenta contenuti che promuovono i risultati raggiunti dagli studenti e di com’è la loro vita quotidiana nel campus.

Tuttavia non si tratta solo della vita nei campus. Per la maggior parte dei ragazzi, scegliere la giusta università significa molto più che scegliere l'indirizzo di studio, spesso infatti per molti studenti andare all’università significa lasciare la casa dei genitori e trasferirsi in una nuova città. Ecco perché la pagina di marketing dell'Università di Brighton per i futuri studenti raccoglie articoli su cose da fare a Brighton e nell'area di Eastbourne.

L'Università di Brighton sta creando i contenuti da sola? Assolutamente no! YouTube e Instagram sono ricchi di contenuti ispirazionali e con strumenti di aggregazione dei social media come Flockler, è facile raccogliere e visualizzare contenuti social in un unico posto.

Migliorare la portata dei contenuti e l'egagement nei social media

Se hai seguito le ultime notizie sul social media marketing o se sei il responsabile per i contenuti pubblicati su Facebook, potresti aver notato una diminuzione della portata organica dei contenuti e del coinvolgimento. Gli algoritmi dei giganti dei social media danno la priorità ai contenuti condivisi dai nostri amici e familiari, riducendo così la visibilità dei contenuti delle aziende.


Il modo migliore per aumentare la copertura sui canali social? Coinvolgi il tuo pubblico e incoraggia le persone a creare contenuti. Chatta con i loro amici citando l'hashtag e il nome del tuo marchio.

Questo è esattamente ciò che l'Università di Law sta facendo con l'hashtag #LiveProspectus. Oltre ad una maggiore portata e un più alto tasso di engagement, il sito web #LiveProspectus realizzato con Flockler, raccoglie i contenuti condivisi dall'università e dagli studenti sui social media.

Instaurare una relazione con studenti attuali, genitori, personale e altre parti interessate

La creazione di contenuti long-form richiede tempo e la generazione Z, che si divide tra diverse app e attività, ha una durata di attenzione più breve rispetto alle generazioni precedenti. I Social Hub che mescolano contenuti dei social media e post dei blog sono un ottimo punto di riferimento e una valida risorsa per studenti, genitori, personale didattico e gli altri soggetti interessati che desiderano tenersi aggiornati sulle ultime notizie ed eventi.

L'Università di East London sta pubblicando YourUniverse social hub e recentemente abbiamo intervistato Melissa Abraham, Student Communications Manager, sui vantaggi del social hub:


"La classica newsletter inviata via email agli studenti non otteneva attenzione. Un sondaggio ha mostrato che gli studenti ne avevano poca o nessuna conoscenza. Questo era un problema enorme perché era un punto centrale della nostra comunicazione, contenente molte informazioni rilevanti e interessanti. Ora con l'hub di Flockler, l’awareness tra gli studenti raggiunge fino al 30% circa. Flockler ci consente di portare tutte le notizie riguardanti gli studenti e il calendario eventi in un unico posto. "

Potrebbe interessarti

Raggruppa tutti i tuoi contenuti, compreso quel che dicono i tuoi fan, in un unico social hub.

Prenota una demo Comincia la prova gratuita di 30 giorni