10 esempi di social media wall efficaci

Che cos’è un social media wall?

Un social media wall raccoglie e filtra i contenuti provenienti dai canali dei social come Instagram, Twitter, Facebook e YouTube. Viene spesso mostrato nelle home page dei siti aziendali, nelle pagine prodotti degli e-commerce o in schermi digitali posizionati negli uffici, per strada o durante eventi dal vivo.

Se sei un social media manager potresti voler dare risalto al duro lavoro svolto sulla homepage della società e aumentare il numero di follower sui tuoi canali social (aumenterà anche il tempo trascorso sulla pagina!).

Se sei responsabile dell'ottimizzazione del tasso di conversione delle pagine dei prodotti, un social media wall ti aiuta a mostrare feedback e social proof di altri clienti e incrementa le vendite su desktop, tablet e dispositivi mobili.

Se stai organizzando un evento, un social media wall ti aiuta a coinvolgere le persone e a connetterti con i partecipanti oltre che aumentare la portata dell'hashtag dell'evento.

I social media wall sono una parte essenziale del marketing mix.

Come termine, “social media wall” potrebbe risultare leggermente fuorviante. In realtà, i social media wall hanno molte forme e layout diversi e offrono piena libertà creativa per mostrare un mix di feed social su qualsiasi servizio digitale. Gli strumenti di social media wall come Flockler sono facilmente personalizzabili (da un social wall a slideshow e caroselli), si adattano alle linee guida dei brand e non richiedono competenze di programmazione essere impostati.

Gli sviluppatori sono dotati di strumenti che consentono di creare un layout grafico unico o di integrare i feed dei social nelle applicazioni interne. Di conseguenza, il contenuto dei social media diverrà centrale per la comunicazione delle aziende. Scorri verso il basso per trovare 10 esempi di marchi come UEFA, Milka, Philipp Plein e molti altri.

Perché optare per un social media wall?

Le aziende utilizzano i social media wall per promuovere i loro servizi, mostrando social proof per supportare le campagne di lancio dei nuovi prodotti, creare campagne di marketing basate su argomenti di tendenza ed eventi stagionali, mostrare contenuti di partner e influencer e molto altro ancora.

Ma quali sono le ragioni per creare un social media wall? Perché così tante aziende, dai piccoli negozi alle realtà internazionali, gestiscono campagne di social media marketing con i social wall?

La risposta è relativamente semplice: i social media riguardano la condivisione e la co-creazione, e il passaparola è uno strumento molto più potente dei tradizionali canali di marketing. Le esperienze legate ai prodotti che vengono condivise dai tuoi fan più fedeli sui canali social saranno prese in considerazione maggiormente rispetto alla pubblicità tradizionale.

In genere, i brand raccolgono i feed dei social e sfruttano i social media wall per:

• Aumentare il numero di follower dei canali social

• Creare engagement e aumentare la portata dei canali social

• Aumentare il tempo trascorso sul sito (ad esempio la homepage o le pagine dei prodotti)

• Aumentare le vendite con feedback e social proof da parte dei clienti

Per ispirarti, scopri di più sui vantaggi principali dei social media wall.

10 esempi di social media wall efficacy

Ogni giorno mi viene chiesto di condividere esempi di brand che raccolgono i feed dei canali social e mostrano i social wall sui loro siti web, quindi ho pensato di elencare alcuni dei più interessanti.

1) Nazionale di Cricket della Nuova Zelanda: un’esperienza sportiva sociale

La nazionale di cricket della Nuova Zelanda, soprannominata Black Caps, cura i punti salienti dei vari canali social e ne mostra i contenuti sulla homepage del sito. Il bellissimo social wall combina gli aggiornamenti ufficiali del team con fonti di notizie attendibili, contenuti dei giocatori e, naturalmente, contenuti generati dagli utenti e dai fan.

2. Milka: coinvolgere i clienti online e offline

Facebook e Instagram danno priorità ai post dei nostri amici e del nostro network, per questo motivo i brand devono coinvolgere i propri clienti nella creazione e nella condivisione di contenuti che menzionino un hashtag o lo username del brand.

Milka, marchio di cioccolato di Mondelez International, ha fatto proprio questo e ha creato la campagna Keksetour. Agli amanti del cioccolato viene chiesto di pubblicare i loro migliori momenti con i biscotti Milka utilizzando un’app Facebook per il filtro della fotocamera. Per aumentare l’awareness e la portata sui social, i fan di Milka sono invitati a condividere contenuti con l’hashtag di marca #gemeinsamKEKSEgenießen.

La campagna include una pagina di destinazione, attività di social media marketing e pubblicità televisiva, oltre ad un Milka Cafe itinerante che viaggia per la Germania! Questo è quello che io chiamo marketing dei social media multicanale.

3. Philipp Plein: la social proof con i contenuti delle celebrity

Philipp Plein è un marchio di moda divertente, provocatorio e lussuoso che collabora con celebrità come Snoop Dogg, Naomi Campbell e Lionel Messi. Il loro social wall mostra le immagini di Instagram in un formato a griglia e fa un ottimo lavoro nel mostrare gli ultimi influencer che indossano abiti di Philipp Plein durante eventi pubblici.

Se non stai puoi puntare su celebrity come Snoop Dogg per la tua campagna di influencer marketing non preoccuparti: dipendenti e clienti sono i migliori sostenitori del tuo marchio! Scopri di più sui tre gruppi di influencer marketing.

4. Planet Fitness: creare e promuovere una fitness community

Planet Fitness è uno dei miei marchi preferiti e sta facendo un ottimo lavoro nel creare contenuti accattivanti insieme ai loro clienti. Il loro social wall è un punto di riferimento per i suggerimenti riguardanti esercizi e contenuti motivazionali, oltre a scatti di Instagram fatti ai membri più attivi che frequentano le palestre.

La community è un elemento critico di tutto ciò che Planet Fitness fa: il loro valore fondamentale è quello di creare un'atmosfera comunitaria in cui i progressi siano sostenuti e applauditi dallo staff e dai membri del gruppo. Quindi è naturale mostrare e amplificare la comunità tramite un social wall.

5. GlassesUSA: rendere social l'e-commerce

Hai mai deciso di acquistare qualcosa perché hai visto qualcun altro che utilizza un prodotto o un servizio tramite il feed dei social? Non dirlo a nessuno, ma ho appena trovato un nuovo paio di occhiali da sole tramite il post di Instagram di un amico ...

Anche glli e-commerce hanno notato questa tendenza: valorizzare i contenuti generati dagli utenti è un ottimo modo per aumentare i tassi di conversione.

GlassesUSA, uno dei principali rivenditori di occhiali online, ha creato la migliore esperienza di shopping social. I clienti che navigano sul loro sito possono visualizzare le novità dei prodotti nel Social Shop.

Il Social Shop di GlassesUSA raccoglie i contenuti generati dagli utenti di clienti che taggano le loro foto con #GlassesUSA o @GlassesUSA. Le immagini sono abbinate ai prodotti correlati, rendendo estremamente facile per i clienti acquistare qualcosa che gli piace.

Per ulteriori suggerimenti, scopri di più sui principali vantaggi dell'utilizzo dei contenuti generati dagli utenti nel marketing per e-commerce.

6. TaylorMade Golf: un social marketing hub per aumentare il tempo di permanenza sul sito

TaylorMade Golf è una società la cui mission è creare i migliori prodotti da golf al mondo. Il loro hub di contenuti Interact è un flusso coinvolgente delle ultime notizie sul golf, aggiornamenti dei prodotti e video. I contenuti sono creai e curati dal team editoriale di TaylorMade: gli articoli long form vengono abbinati ai post dei canali social come Twitter, Instagram e YouTube.

Mostrando i contenuti condivisi dai golfisti sui canali social, il sito rimane aggiornato e coinvolgente. Il social wall guida il traffico verso le pagine dei prodotti e il tempo trascorso sul magazine digitale Interact è da tre a quattro volte superiore rispetto a alle altre sezioni del sito come dichiara Graeme Morton, Consumer Marketing Manager di TaylorMade.

7. Women for Women: associazioni benefiche che utilizzano i social media per fare del bene

Le organizzazioni benefiche che utilizzano i social media per aumentare le donazioni sono uno degli esempi più ovvi in cui le campagne sui social superano i canali pubblicitari tradizionali. Condividere e promuovere qualcosa di importante per noi (che riflette la nostra personalità e i nostri interessi) è parte integrante della crescita dei canali social.

Women for Women UK utilizza un social wall come fulcro della campagna #SheInspiresMe che raccoglie fondi per aiutare le donne che hanno subito il trauma della guerra. Il sito della campagna incoraggia tutti noi a condividere storie sulle donne che ispirano le nostre vite e riunisce i contenuti social in un unico posto.

8. UEFA: raggiungere nuovi segmenti di pubblico

L’UEFA, Unione delle associazioni calcistiche europee, ha creato il movimento "Together #WePlayStrong" per sensibilizzare le ragazze al gioco del calcio.

E qual è il modo migliore per farlo? L’UEFA sta incoraggiando i giocatori professionisti e gli adolescenti a condividere il modo in cui si divertono a praticare questo sport!

“Your stories” sul sito web della campagna mettono in evidenza i contenuti generati dagli utenti, pubblicati su vari canali social utilizzando l'hashtag brandizzato e aiuta l’UEFA a raggiungere nuovi segmenti di pubblico.

9. Friends of the Earth: i social aiutano a salvare il pianeta

La campagna #PlasticFreeFriday di Friends of Earth incoraggia le persone e le organizzazioni a trascorrere un giorno alla settimana senza l’ausilio di materiali plastici come posate e contenitori.

Il sito della campagna include un social media wall che raccoglie tutti i contenuti generati dagli utenti condivisi con l'apposito hashtag. Quando si apporta un cambiamento alle proprie abitudini quotidiane, il supporto della communituìy è fondamentla ed è proprio su questo che si basa la campagna #PlasticFreeFriday.

Salvare il pianeta cambiando il comportamento è difficile ma questa campagna sta aumentando enormemente la portata e la consapevolezza rispetto a queste tematiche.

10. University of East London: creazione di un campus social

Quando ho iniziato la scuola negli anni '90, tutti i materiali promozionali erano volantini stampati e brochure. Questi tempi sono ormai lontani i tempi e i social media e i contenuti generati dagli utenti sono ora al centro del marketing scolastico.

L’Università di East London (UEL) ha 19.000 studenti nella loro comunità, composta da talenti provenienti da 120 paesi diversi. L'hub di contenuti di UEL è una rivista alimentata da articoli e contenuti provenienti dai social media in cui vengono condivise tutte le informazioni pertinenti.

L'hub dei contenuti di UEL si chiama "YourUniverse" e raccoglie qualsiasi cosa, dai frammenti di video e alle cose divertenti da fare in giro per il campus alle menzioni nelle notizie nazionali.

************

Hai già creato un social media wall per la tua azienda? Inizia gratuitamente e guarda il nostro tutorial su come raccogliere i feed dei canali social nel tuo social wall. Se hai domande e vuoi saperne di più, non esitare a premere il pulsante “live chat” in fondo a questa pagina oppure contattaci via email.

Potrebbe interessarti

Raggruppa tutti i tuoi contenuti, compreso quel che dicono i tuoi fan, in un unico social hub.

Prenota una demo Comincia la prova gratuita di 30 giorni