Quattro scuse per non essere sui social media e perché queste non sono valide

Se avessi un centesimo per ogni volta che ho sentito un direttore marketing spiegare perché la sua azienda non è presente sui social media o non crea contenuti per canali social specifici come Instagram, potrei essere milionario adesso! Per alcuni addetti al marketing B2B i social media sono solo una seccatura (provate a chiederglielo!). 

E poi ci sono quello che aprono pagine sui social “solo per fare presenza”.

Perché così tante aziende pensano di non poter beneficiare dai social media? Per esempio, i programmi di advocacy dei dipendenti o le campagne di influencer marketing sui social possono aumentare la brand awareness e l'engagement con potenziali clienti, indirizzare il traffico al sito web aziendale, aumentare il tempo trascorso sul sito web e migliorare i tassi di conversione.

Perché alcune aziende pensano di essere diverse dagli altri?

A volte, quando parlo con un potenziale cliente, avverto una sensazione di déjà-vu. I motivi sono sorprendentemente simili per quanto siano diversi i mercati, le industrie e le dimensioni dell’azienda. Per questo ho pensato di raccogliere alcuni di questi motivi in un post e, ovviamente, li ho ridimensionati.

Cominciamo col chiamarli falsi miti anziché motivi.

I falsi miti più comuni per cui le aziende non investono in attività di social media marketing sono:

  1. “Non abbiamo tempo per i social”
  2. “I nostri prodotti o servizi non sono divertenti”
  3. “Il nostro target non è sui social o su un canale specifico”
  4. “I piani alti dell’azienda non capiscono i vantaggi dei social media”

Hai mai usato una di queste scuse?

1. “Non abbiamo tempo per i social

È solo una questione di priorità e i social media dovrebbero essere nella tua lista di priorità per il 2019. È molto probabile che alcuni utenti attivi di Instagram (o alcuni dei loro amici) siano tuoi potenziali clienti. O forse i tuoi potenziali clienti hanno già trovato un altro fornitore di servizi attraverso i commenti sotto i post di Facebook.

Molti clienti hanno parlato con consulenti che affermano che i contenuti dei social media devono essere divertenti! Così iniziano a creare molti nuovi contenuti senza che questi siano connessi ad altre attività di content marketing.

Non farlo.

Dare in outsourcing la gestione dei contenuti dei canali social e delle attività di marketing è una tentazione fortissima, e si finisce poi con il chiedere al freelance o all’agenzia un report sul numero di follower e di like ricevuti. L'outsourcing consente di risparmiare tempo, giusto?

A volte è più semplice saltare la pianificazione su come misurare il successo e la fiducia sulle metriche vanity dei social media come i like ai post e il numero di follower.

Non fare nemmeno questo.

I migliori risultati si ottengono allineando il social media marketing con le altre attività di content marketing.

Presumo che il tuo obiettivo sia di aumentare il numero di conversioni sul tuo sito web in che modo i social media possono aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi di content marketing e quanto nuovi contenuti dovresti creare?

Questo deve essere scioccante: non è necessario creare nuovi contenuti.

La maggior parte delle aziende scrive post sul blog e un ottimo modo per iniziare è quello di promuovere alcuni dei contenuti esistenti sui canali social attraverso gli strumenti pubblicitari forniti.

Noi di Flockler promuoviamo i nostri post sul blog su Facebook e Twitter creando un flusso di contenuti dal livello principiante fino a quello avanzato. Con l'aiuto del potente pixel di Facebook possiamo pubblicizzare il prossimo contenuto per qualcuno che ha iniziato con il livello principianti e anche per offrire gli stessi contenuti ad un pubblico simile a quello che già abbiamo ma che non è ancora a conoscenza dei nostri prodotti e servizi. Un'efficace campagna pubblicitaria sui social media sposta il lettore dalla consapevolezza all'azione (conversione) e trova anche altre persone simili al tuo pubblico attuale.

2. “I nostri prodotti o servizi non sono divertenti

I tuoi prodotti e servizi portano valore ai tuoi clienti? Allora dovresti avere un sacco di idee per i contenuti destinati ai social media!

Quali sono le domande e i problemi che i tuoi clienti espongono in genere tramite i canali di assistenza clienti? In Flockler, la nostra chat in tempo reale è la migliore fonte di ispirazione per i contenuti. Se un gruppo di persone ti sta ponendo la stessa domanda è quasi certo che si tratti di qualcosa che altri potenziali clienti si stanno chiedendo, ma potrebbero pensare che sia sciocco chiederlo o magari non sanno che tu hai tutte le risposte giuste per loro.

Un altro modo per creare contenuti entusiasmanti relativi ai prodotti è di intervistare alcuni dei tuoi clienti più fedeli e co-creare il contenuto insieme a loro. Niente è più potente che promuovere i tuoi clienti che felici si godono il tuo prodotto o servizio. I tuoi clienti amano condividere il loro momento di fama con la rete - e i potenziali clienti trovano più facile identificarsi con l'esperienza di qualcuno come loro. Forse vale la pena organizzare chiamate Skype, incontrarsi per un caffè o organizzare un evento con i clienti più coinvolti?

Puoi anche fare un ulteriore passo avanti creando una campagna con contenuti generati dagli utenti e chiedendo ai tuoi clienti di pubblicare contenuti che menzionino un hashtag specifico. Chiedi loro di mostrare come utilizzano il tuo prodotto o servizio. Per trovare la giusta ispirazione, controlla come a GlassesUSA raccolgono le immagini dei clienti nel loro Social Shop.

Gli algoritmi dei social media promuovono il contenuto creato da noi, come me e te, e non quello creato dai marchi. Quando pianifichi i contenuti (a partire dai post del blog che stai scrivendo), pensa a come renderli più condivisibili e a come coinvolgere i tuoi stakeholder nella creazione di contenuti! Come regola generale inizia a dedicare meno tempo a preoccuparti di non avere contenuti da pubblicare e più tempo a diffondere il contenuto che hai già e coinvolgere il tuo pubblico nella condivisione.

3. “Il nostro target non è sui social o su un canale specifico

Con oltre 4 miliardi di utenti internet e circa 3 miliardi di loro sui social media, come può il tuo target non essere sui social media?

Indipendentemente dal settore a cui la tua azienda appartiene, posso assicurarti che troverai il tuo target sui social media. I social media ora sono come i siti web negli anni '90; il fatto che il tuo marchio non sia presente sui social nel 2019 la dice lunga. Secondo Hubspot, ben il 75% dei decision maker B2B supporta le proprie decisioni di acquisto attraverso i social media.

Il tuo target potrebbe non pubblicare attivamente contenuti su canali social specifici ma molto probabilmente scorrono i feed di notizie per vedere cosa fanno i loro amici e familiari. Recentemente si è parlato molto del fatto che Facebook abbia perso in popolarità e che non viene più utilizzato dagli adolescenti. Forse, se ti dico che ci sono 2,27 miliardi di utenti attivi mensili su Facebook (tra i quali anche molti adolescenti) ti incoraggerà a iniziare con i social ...

4. “I piani alti dell’azienda non capiscono i vantaggi dei social media"

Questo falso mito è probabilmente il più facile da sfatare: è compito tuo educare e mostrare i vantaggi del social media marketing ai tuoi capi. Ma farlo potrebbe richiedere alcune modifiche alle solite presentazioni che si fanno ai membri del consiglio di amministrazione.

Senza eccezioni, tutti i membri del consiglio di amministrazione e i direttori sono interessati a una cosa: quanto reddito comporta il mix delle attività di marketing e qual è il canale di marketing più efficace.

Torniamo per un attimo alle metriche vanity menzionate in precedenza, puoi evitare di parlare dell’aumento dei like e dei follower sui social media - i membri del consiglio non si concentrano su questi dettagli e non riescono a capire se l'aumento del 20% di “Mi piace” porta all’aumento delle vendite. Concentrati su quanti soldi hai intenzione di investire (compreso il tempo trascorso da te e dagli altri membri del team di marketing) e qual è la conversione e il rendimento di questo investimento.

Questo mito rivela anche il fatto che non hai pianificato le conversioni e gli obiettivi prima di lanciare l'idea ai membri del consiglio di Amministrazione.

Potresti anche non essere in grado di tracciare le vendite di prodotti o servizi se non sono disponibili per l'acquisto online, ma se sai come interpretare i tuoi dati e le tue metriche, sarai comunque in grado di calcolare il ROI delle attività di social media. Per esempio, se sai che un particolare volume di traffico di alta qualità che visita il post del tuo blog porta ad un aumento delle richieste di contatto (o di qualsiasi altra conversione che genera entrate), puoi facilmente calcolare quanto ha senso pagare per i clic sugli annunci di Facebook indirizzando il traffico verso il tuo blog.

Qual è la tua scusa per non essere attivo sui social media? Twittalo e continuiamo la conversazione su Twitter!

Potrebbe interessarti

Raggruppa tutti i tuoi contenuti, compreso quel che dicono i tuoi fan, in un unico social hub.

Prenota una demo Comincia la prova gratuita di 30 giorni